Alassio: un altro Muretto, tutto a 4 zampe!

BY Viola Grosso IN , No comments

Amici vi scriviamo dalla spiaggia, tra un pisolino di Shai e la nostra pausa pranzo.
L'altra sera abbiamo fatto un giro ad Alassio e dopo aver visto il famoso Muretto, abbiamo deciso di andare a vedere anche il Muretto dei cani.
Proprio così! Ad Alassio è presente, dal 2013, anche un muretto dedicato ai nostri amici pelosi.
Si trova nei Giardini Morteo di Piazza Stalla, e originariamente era nato grazie alle raffigurazioni di duecento cani di Alassio, firmate da Sandra Chace che ha maestralmente ritratto è riprodotto poi su piastrella gli amici a 4 zampe degli abitanti. Tra le loro immagini troviamo anche tre gatti, un coniglietto e un fedele compagno di un diplomatico estero.
Negli anni, a questo muretto sono state aggiunte altre raffigurazioni, tra cui una che omaggia i cani guida per non vedenti, e nel 2014 anche due piastrelle raffiguranti due cani dell'unità cinofila dei carabinieri.


Non potevamo non ricercare il Cocker nero! :)
Ed ecco Shaira in posa per far parte a modo suo del Muretto...ci scusiamo per gli occhi spiritati ma era necessario usare il flash!





Vacanze con i cani: la scelta della spiaggia Dog-friendly è davvero così facile?

BY Viola Grosso IN , 3 comments

Ciao amici!
Ogni anno in TV ci bombardano di buone notizie riguardo al numero sempre crescente di spiagge Dog-friendly. Servizi su servizi e sembra che da nord a sud i nostri 4 zampe siano ben accetti ovunque, ma nella realtà non ė sempre così, purtroppo.

Memore della giornata infernale passata per portare Shaira al mare due anni fa a Chiavari, quest'anno, avendo deciso di spostarmi verso Ponente, sono partita un po' prima a cercare la spiaggia e fare varie telefonate.
Aprendo Google sembra che nei dintorni di Albenga ci siano molte spiagge a disposizione dei nostri cani così leggo un po' di recensioni (sono una malata di Trip Advisor!) e decido di fare qualche telefonata:

-Baba Beach di Alassio
Ne ho sentito parlare molto e dalle foto mi incuriosisco, dalle recensioni un po' meno. Mi piace l'idea della "terrazza Snoopy" e sul sito è indicato un prezzo giornaliero di 20€ ma non dà indicazioni riguardo ai cani se non dire che sono i benvenuti. Così chiamo: bene, il prezzo in terrazza è quello, ma quando dico che ho un cane il prezzo viene raddoppiato a 40€!
Come se non bastasse ci ho messo due giorni a farmi considerare e dire i prezzi: ogni volta che chiamavo, chi rispondeva parlava con me, iniziava le frasi e poi iniziava a parlare con chiunque passasse lì, lasciandomi in attesa, o meglio lasciandomi lì ad attendere che finisse il discorso!
Tra l'altro di fianco è presente una spiaggia libera Dog-friendly, e capisco benissimo che mi si possa dire "allora vai lì!", ma se io volessi le comodità di lettino e ombrellone? È giusto che debba vedermi il prezzo raddoppiato per la terrazza, quando con la stessa cifra sarei in prima fila senza il cane?

-Spiaggia La Scogliera di Alassio
Mi risponde un signore scocciatissimo e mi propone 20€/giorno a lettino più 10€/giorno per il cane di taglia grande (50€ al giorno!), dicendo che 10kg non è un taglia piccola, che da loro il taglia media non c'è e quindi "dai 10kg all'alano sono 10€ al giorno". Come se non bastasse, non può fare come dalle altre parti facendomi lo sconto su un tot di giorni consecutivi, come fanno le altre spiagge se fai almeno 5 giorni, ma può al massimo togliermi 10€ siccome mi trattengo solo 6 giorni.

-Bagni Antille di Laigueglia
Noto che è inserita anche tra le spiaggia dog-friendly del 2013 e del 2014 e la tariffa cani è gratuita. Credo di non ricordare telefonata più breve: chiedo informazioni e mi sento rispondere "si sono sbagliati in internet, non siamo attrezzati per i cani, arrivederci!" e mi chiude il telefono in faccia!

-Spiaggia Capo Mele
Leggo le recensioni e credo nell'ennesimo buco nell'acqua tra personale scortese, prezzi sopra la media e mala organizzazione. Mi ricredo subito: chi ha risposto mi ha spiegato gentilmente come funziona la spiaggia e dove cercare parcheggio. I cani non hanno limiti di orario per il bagno e il loro ingresso è di 5€ mentre per 2 lettini il prezzo è di 23€, per un totale di 28€/giorno con lo sconto da applicare per i 6 giorni! Finalmente l'ho trovata!

Ora non ci resta che fare il conto alla rovescia per la partenza...

E Voi? Dove andate o dove siete stati in vacanza con i vostri amici a 4 zampe?

GIOIE: Gelati per cani Officinalis Dalla Grana, la loro estate italiana!

BY Viola Grosso IN , , No comments

Buon giorno amici!
Dopo più di due mesi in cui eravamo sommerse dai libri, ecco che inizia l'estate anche per noi...e quale modo migliore per festeggiarla se non con un buon gelato?
Ve ne avevamo già dato un'anteprima nel post di Zoomark, dove vi avevamo postato alcune foto delle novità presentate in fiera, ma ora vogliamo proprio raccontarvelo!
Ecco come si presenta "Gioie"
Si chiama "Gioie" ed è prodotto dalla nostra amata Officinalis Dalla Grana, che porta avanti un "progetto pets" sempre più naturale e rigorosamente Made in Italy. È un gelato 100% naturale, fatto con frutta, senza zuccheri aggiunti e senza glutine.
È una soluzione naturale e fresca per combattere il caldo estivo e lo si trova disponibile in 9 gusti per accontentare tutti i palati:
Albicocca bio
Pesca bio
Pera bio
Mela bio
Fragola
Mirtilli
Mora
Lampone
Vaniglia

Come potete vedere dalle foto, gli ingredienti sono davvero ottimi e naturali:
Noi abbiamo scelto il gusto pere bio, e lo abbiamo lasciato in freezer 3 ore per ottenere un buon gelato!
Questo buonissimo snack si può somministrare in due modi: refrigerato in frigo per almeno 3 ore può essere servito come semifreddo, altrimenti, messo in freezer si può servire come gelato!
Il prezzo? Si aggira intorno ai 2,50-3,00€ per 90g.

A Shaira è piaciuto moltissimo come potete vedere dalle foto:
Sembra molto buono...
Sì! Decisamente ottimo! =)
Ora vi salutiamo e torniamo al lavoro per recuperare tutto ciò che abbiamo tralasciato durante la nostra infinita sessione esami...A PRESTO!

Dall'Australia arriva DOGUE!

BY Viola Grosso IN , , No comments

Buon inizio settimana amici!
Oggi vi parliamo di DOGUE, il brand numero uno in Australia per quanto riguarda l'abbigliamento e gli accessori per cani.

DOGUE Skull & Dogbones

Ho scoperto questo brand grazie a Slow Global, il distributore italiano.
Dopo aver provato la pettorina Puppia questo inverno ed esserne rimasta entusiasta, ero alla ricerca del medesimo modello ma in materiale più leggero e meno imbottito, così ho scoperto DOGUE!
DOGUE  Skull & Dogbones

Perché ci piace?
Questo modello di pettorine è molto morbido e la fascia frontale più ampia permette di distribuire su una superficie maggiore la forza di trazione in caso il cane tiri (anche se sarebbe meglio insegnare al cane a non farlo!). Inoltre, a differenza della classica ad H o alla norvegese, la fascia più ampia si porta fino a sotto le ascelle e aiuta a non far formare quei fastidiosi nodi, cosa molto gradita ai padroni di cani con il pelo lungo!
Un altro punto a favore è che sono lavabili anche in lavatrice e non si rovinano.

Come nasce DOGUE?
Durante la nostra visita a Zoomark International abbiamo potuto conoscere Simone Kingston: creatrice, fondatrice e stilista del marchio.
DOGUE Australia
Shaira e Simone a Zoomark International 2015
Dopo una chiacchierata con lei, abbiamo scambiato qualche mail dove le abbiamo chiesto come è nata l'idea di DOGUE e da cosa è stata ispirata, ecco cosa ci ha risposto:

"L'idea di DOGUE iniziò 18 anni fa, quando andai a comprare un maglioncino carino per il mio cane Gulliver. Dopo aver visitato diversi negozi, realizzai che non c'era niente che soddisfava i miei gusti, così andai a comprare della lana colorata e, con i ferri, ne feci uno tutto per lui. Le settimane seguenti, mentre Gulliver riceveva molte attenzioni con il suo nuovo maglioncino, mi resi conto che c'era un mercato per accessori per cani alla moda, così iniziai a lavorare sull'idea di DOGUE.
Il business iniziò con un piccolo negozio solo per cani e fu il primo di questo tipo in Australia. Iniziai subito a disegnare i prodotti per lo store e i clienti apprezzarono la nostra idea e il brand. Ho diretto lo store DOGUE per 8 anni prima di espandere il business su larga scala. È stato un modo meraviglioso per imparare come i negozi al dettaglio lavorano e cosa i clienti amano comprare per i propri pets.
Ora gli accessori DOGUE sono venduti in tutta l'Australia e DOGUE è conosciuta come il marchio per animali numero 1 nel Paese."

DOGUE Australia

Siccome Shaira indossa una pettorina della sua ultima collezione, abbiamo chiesto a Simone come è nata la "Skull & Dogbones collection":

DOGUE  Skull & Dogbones
La collezione Skull & Dogbones
"La nostra ultima collezione Skull & Dogbones è ispirata dalla mia passione per gli sugar skulls. Mi hanno sempre affascinata e amo i loro dettagli e colori. Sono spaventosi e bellissimi allo stesso tempo. I teschi sono molto popolari in questo periodo e ho pensato potesse essere divertente aggiungerli a DOGUE e creare i nostri teschi carini e graziosi."

Ma DOGUE non vi offre solo maglioncini e pettorine, infatti per ogni collezione potrete trovare le ciotole abbinate, realizzate in melamina e con interno in acciaio rimovibile per essere pulite al meglio!

DOGUE Skull & Dogbones
DOGUE fa per voi se cercate accessori sempre alla moda per i vostri 4 zampe!
A noi piace un sacco, e a voi?


(Alcune immagini sono state concesse gentilmente da Simone Kingston)

Vi raccontiamo il nostro Zoomark 2015!

BY Viola Grosso IN , No comments

Ciao a tutti!
Come sapete se seguite la nostra pagina Facebook, il 7 maggio siamo state a Zoomark International, a Bologna.
Zoomark 2015
Zoomark International
Ecco il nostro arrivo!
Ma che cos'è Zoomark?
È una fiera dedicata al "settore Pets", riservata a veterinari, allevatori e operatori del settore come commercianti e toelettatori.
Si svolge in Italia, generalmente negli anni dispari, quindi ogni 2 anni (ma se volete viaggiare, in quelli pari si svolge Interzoo a Norimberga, in Germania!).
In questa fiera vengono presentate tutte le novità che verranno lanciate dai vari brand successivamente alla fiera, e vengono esposti i prodotti di rilievo già presenti a catalogo.
Ecco qualche foto dallo spazio dedicato alle novità:
Fresh breat
Dalla Grana Pets
Finalmente la Dalla Grana ha fatto le crocche!
Gelato per cani
I gelati sorbetto Officinalis Dalla Grana...100% frutta!
Protezione solare per cani
I solari Officinalis!
Oltre alla conferma che ormai i nostri animali sono parte integrante della famiglia, non solo dal punto di vista dei proprietari, ma anche da chi produce e opera nel settore, in questa edizione è stato raggiunto un altro traguardo: è stato permesso l'ingresso ai 4 zampe alla fiera, ovviamente muniti di guinzaglio, sacchetti, all'occorrenza museruolae  libretto sanitario.

A Zoomark International si può trovare veramente di tutto, dall'accessiorio più fashion a quello più utile, senza contare le numerose offerte sul punto di vista alimentare, che stanno intraprendendo quasi tutte un cammino più salutare, dal grain-free/low-grain all'alimento liofilizzato o addirittura surgelato, ponendo particolare attenzione sulla "nutrizione secondo natura".
Alimenti surgelati per cani e gatti
L'espositore natures:menu di alimenti surgelati per cani e gatti

Ho raccolto un po' di materiale, tanto soprattutto sulle pappe, per questo ho deciso che presto scriverò un post (uno dei miei post lunghi e noiosi sugli ingredienti! =D) interamente dedicato alle mie nuove scoperte e, con un po' di lavoro e pazienza, andrò ad ampliare il PAGELLONE!
Zoomark
In questo post, invece, voglio condividere con voi ciò che mi ha più colpito dal punto di vista dell'accessoristica, la cura e l'igiene e l'utility.
Nemmeno a farlo apposta, come primo stand mi sono imbattuta in queste fantastiche ciotole Easyeat: si tratta di ciotole Made in Italy, studiate appositamente per cani con orecchie lunghe e pendule. Presentano bordi alti per permettere che le orecchie "cadano" ai lati, una guarnizione antiscivolo e una comoda impugnatura laterale. Sono realizzate in acciaio inox in due diverse misure, interamente lavabili e costituite da un unico pezzo sagomato perfettamente per far si non siano presenti incavi o giunture dove possano annidarsi germi.

Ciotola easyeat

Continuando il mio giro non potevo non notare queste fantastiche cucce di design, eco-friendly e Made in France: le Trendy-Tub, fatte con materiali industriali riciclati che prendono nuova vita.

Cucce trendy-tub

Cucce trendy-tub

Passando poi davanti allo stand di Trilly tutti Brilli, abbiamo ricevuto in omaggio un simpatico poster e due campionicini di profumo: uno per maschietti e uno per femminucce.
Sono tante, infatti, le ditte che si mostrano sempre più attente alla cura e l'igiene dei nostri pets, spesso puntando su ingredienti naturali: prodotti dedicati ad un'intera beauty-routine a 4 zampe, non solo per i cani, ma anche per gatti, coniglietti e roditori.
Un esempio è la linea Pet Head, creata dal noto brand per parrucchieri Tigi, che offre prodotti per ogni esigenza: shampoo per pelli sensibili, manti lunghi o corti, ricci o lisci, anticaduta o anti lacrime per i cuccioli, balsami abbinati, linea gatto con shampoo lozioni o mousse, salviette per la pulizia veloce, burro di karitè con farina d'avena per tartufi e polpastrelli morbidissimi e smalti per unghie chich (ne avevamo parlato qui, chiedendoci se non fosse esagerato)!
Ecco il coloratissimo stand Pet Head!
Spostandoci verso il padiglione orientale, tra passeggini, trasportini e cucce di ogni tipo ci ha colpito uno stand giapponese interamente dedicato all'igiene orale di cani e gatti. Mind up offre spazzolini, colluttori, dentifrici e addirittura "ferri" per prendersi cura a 360º di denti e bocca dei nostri pets.



Igiene orale caniIgiene orale per caniIgiene orale cani

E per pelo e pelle? Dalla Korea ecco un accessorio particolare per la doccia: un erogatore da collegare al tubo della doccia che presenta, oltre ad un'impugnatura ergonomica per noi, particolari testine massaggianti, che ci permettono di regalare al nostro cane uno shampoo con tanto di massaggio come nei migliori saloni di bellezza!
Doccia per cani

Nel padiglione USA e UK, abbiamo fatto tappa nello stand dei Pawz DogBoots e di 1Zcoat (di cui vi avevamo parlato qui e qui!), e Shaira ha fatto da modella per qualche foto. Abbiamo inoltre parlato un po' con Andrea, la creatrice di questi prodotti, che ci ha proposto una bella iniziativa per voi lettori, ma ne parleremo più avanti!

Pawz scarpe per cani
Shaira fa la modella per PawZ Dog Boots!
Allo stand di Slow Global, abbiamo invece incontrato Simone, stilista e creatrice della linea DOGUE, un brand australiano di pettorine, accessori e vestitini. È stata entusiasta di conoscere Shaira, sua prima "modella" italiana!
Dogue Australia
Shaira con Simone, stylist e creator del brand DOGUE
Erano molti gli stand di guinzaglieria, dal pezzo tecnico a quello elegante e fashion, sempre progettati per offrire un prodotto curato e di qualità.
Stessa filosofia per quanto riguarda i giochi, dai tecnologici ai più classici ma sviluppati con materiali innovativi o naturali.
Uno "spara palline" per cani
Infine, lo stand che ci ha colpito maggiormente, è stato quello di Bimar, dedicato ad una linea, la "hi-pet", di elettrodomestici per animali.
Dalla piastra per biscotti alla cuccia e al tappetino riscaldanti, ma anche tosatrici, guinzagli e collari con led, contapassi o gps, spazzole ionizzanti per il pelo o apposite da collegare all'aspiratore e dispencer di acqua e cibo.
Biscotti per cani
La piastra per biscotti, per cani al passo con i tempi anche in cucina!
Un kit di accessori per cani e gatti a cui piace "essere aspirati"!
Assoluta novità per Zoomark, ma anche per noi, Pettion: si tratta di un distributore di cibo automatico collegato al vostro smartphone!
Tramite l'apposita app è possibile controllare la quantità di cibo erogata e impostare una somministrazione automatica o decisa da noi, si può monitorare la dieta del nostro cane e addirittura videochiamare la ciotola così da vedere il nostro cucciolo mentre è a casa da solo e, girando la fotocamera dello smartphone, lui potrà vedere noi! Inoltre, tramite un sistema di notifiche saremo avvisati se la dieta è troppo "ristretta" o abbondante o se il cibo sta per terminare.
Punto in più a favore? Il sistema slow-feeder della ciotola (di cui abbiamo parlato qui!) e l'inserto per i lungorecchiuti così da non sporcare le orecchie con il cibo!
Insomma una ditta per Pet 2.0 al passo con la tecnologia!

Ciotola automatica per cani
Ecco Pettion!
Distributore cibo per cani

Amici, dopo questo mini-tour delle novità di Zoomark 2015, non mi resta che salutarvi e darvi appuntamento al prossimo post!
Un bacio!
Queste siamo noi, sfinite, al termine della nostra giornata!

Inizia il caldo, magari tosiamolo...MAGARI NO!

BY Viola Grosso IN No comments

Uscendo e guardandosi attorno, possiamo vedere che sono sempre di più i cani tosati che incontriamo, ma siamo sicuri di fare realmente una cosa giusta?

Possiamo parlare di due aspetti: uno estetico e uno fisiologico.
Dal punto di vista estetico, la tissitura del pelo viene alterata, e quindi non ricrescerà più in modo naturale e andremo anche a danneggiare il sottopelo (peli più corti e con vita più breve del pelo principale).
Nel mio caso, ad esempio, tosando un cocker, il sottopelo non ricresce e il pelo si arriccia (e per la razza è un difetto!) fino a farlo sembrare una pecorella!

Foto presa dal web
Foto presa dal web
Fisiologicamente parlando, invece, il discorso è un po' più complesso.
Oltre ai meccanismi di sudorazione e polipnea (quando si dice che i cani sudano dalla lingua) e quelli di vasodilatazione e vasocostrizione, i nostri cani, mammiferi omeotermi (cioè in grado di mantenere la temperatura del corpo costante anche a frontedi variazioni esterne), sono dotati di meccanismi di termoregolazione in grado di mantenere una temperatura costante dell'organismo. Questi meccanismi si attuano sia per proteggerli dal freddo che dal caldo.
Il sottopelo è fondamentale per mantenere corretti questi meccanismi, difatti trattiene uno strato di aria (cattivo conduttore di calore, che quindi funziona da isolante) tra la superficie cutanea e l'ambiente. Quando fa freddo, lo strato d'aria viene riscaldato dal calore cutaneo e cede calore lentamente all'ambiente, permettendo all'animale di termoregolarsi e "rimanere caldo".
Allo stesso modo, in caso di caldo eccessivo, il calore viene trasferito dalla cute allo strato d'aria e dall'aria all'ambiente; l'aria a contatto con la cute è continuamente sostituita da aria più fredda, che viene progressivamente riscaldata tramite il calore ceduto dalla cute e poi rilasciata nell'ambiente (l'aria più calda è più leggera della fredda e si allontana dallo strato a contatto con la cute, lasciando spazio per aria più fredda che andrà a rinfrescarla).
Questo schema parla in particolare del pelo del cocker, ma il principio vale per tutti, con variazioni di razza riguardanti la quantità di sottopelo.

Ad aiutare tutto ciò, intervengono le mute: il mantello dei nostri cani, infatti, in estate presenta pelo e sottopelo più fini, per permettere un maggiore scambio di calore, mentre in inverno sono più densi, per fornire un maggiore isolamento dall'ambiente freddo esterno.

Ma quanto ci piace l'aria fresca che ci fa svolazzare le orecchie?
Possiamo quindi capire che tosare il cane "per farlo stare più fresco in estate" non è corretto, anzi, è da evitare perché così facendo andremo ad alterare la sua fisiologica termoregolazione, costringendolo ad un dispendio di energie maggiore per mantenere costante la temperatura corporea.

Per aiutare in cane in estate a rimanere più fresco possiamo creare zone d'ombra con abbondante acqua fresca a disposizione, permettergli di sostare in zone con aria fresca o bagnare con acqua fresca le estremità.

Ogni volta che porteremo il nostro amico a 4 zampe dal toelettatore , quindi, ricordiamoci che sicuramente la tosatura sarà una pratica decisamente più veloce di stripping e trimming, che in caso di cani a pelo lungo ci libererà dal peso delle spazzolate obbligatorie e frequenti, ma arrecherà un danno alla fisiologia del nostro animale, costringendolo ad attuare meccanismi supplementari per mantenere l'omeotermia.

Abolite le tosatrici e preferite chi si diletta a fare "il lavoro sporco" a mano e con tanta pazienza, coma fa la nostra Rossella di Chez Milù!

Cocker da viaggio...ma serve il passaporto!

BY Viola Grosso IN , , No comments

Come detto nel post precedente, siamo state ad Arosa, in Svizzera, ma non abbiamo parlato dei documenti necessari per oltrepassare il confine Italiano con un 4 zampe a seguito.

Documenti cane all'estero

Cosa serve per portare il nostro amico oltre confine?
Innanzi tutto, il cane deve essere munito di microchip (o tatuaggio identificativo nei soggetti dove è ancora presente), che per legge dovrebbe essere inserito entro i 2 mesi di vita, e quindi dovrete avere il relativo modulo di registrazione all'anagrafe canina che ne attesta la proprietà.
Poi avrete bisogno del libretto sanitario, con riportate le vaccinazioni obbligatorie.
Ma questo non è ancora sufficiente a varcare i confini italiani, infatti vi servirà il PASSAPORTO per gli animali da compagnia.
Per ottenere il passaporto è obbligatorio effettuare la vaccinazione antirabbica almeno 21 giorni prima della richiesta del documento e del suo rilascio.
Per la richiesta, invece, potrete recarvi da un veterinario autorizzato o direttamente all'ufficio ASL competente, che provvederà a compilare i moduli, riportare sul passaporto tutti i vostri dati e quelli dell'animale, compreso il numero di microchip e l'avvenuta vaccinazione antirabbica.
Completata la parte burocratica, e a fronte del pagamento di un bollettino (per me è stato di €5,00), vi verrà rilasciato il passaporto e, una volta registrato, sarà valido.
La procedura ovviamente può cambiare a seconda delle procedure stabilite da ogni singola ASL ma, in linea di massima, la trafila è questa.

Ora che siete in possesso del passaporto, non vi resta che controllare, tramite i contatti delle ambasciate o dei consolati dei Paesi Comunitari che siete intenzionati a visitare, se il possesso del passaporto è sufficiente. In alcuni casi, infatti, può essere richiesto un certificato di buona salute, rilasciato da un veterinario, non oltre i 6 giorni antecedenti la partenza, a seguito di una visita di controllo oppure può essere richiesto un "blood test".

Ecco come è fatto il passaporto per i nostri animali di casa:





Oltre alle pagine dove riportare la vaccinazione antirabbica, è presente anche una sezione apposita dove poter riportare l'esito della titolazione anticorpale per la rabbia (di cui parleremo prossimamente!), e anche altre pagine dove, volendo, si possono riportare le altre vaccinazioni e i trattamenti antiparassitari.